Giustizia 2021? un incubo (74 puntata)

La sorella del nostro amico è rimasta senza liquidità e gli ha chiesto dei soldi. Oggi, per il secondo giorno consecutivo, lo sportello automatico della banca nella quale è aperto il conto corrente della donna non ha consentito il prelievo ed il ricorrente/reclamante ha dovuto provvedere diversamente per l’approvvigionamento di contanti. Per la circostanza ha incontrato anche la vecchia madre allettata, che lo ha pregato di mettere fine al contenzioso giudiziario in atto. La novantaduenne, in un lampo d’imprevista coscienza, dopo oltre un anno, ha capito che è stata circondata da “ladri” (termine da lei stessa scelto per definire l’evolversi della vicenda che la riguarda ed esprimere un desiderio, che peraltro il figlio non è in grado di esaudire). Non è accaduto altro da riportare e dunque ci concediamo assonometrie e prospettive di un’Italia precipitata nell’orrido. I prodromi si erano manifestati già alla fine degli anni Settanta del XX secolo. La maggior parte degli appartamenti di via Gradoli a Roma, dove si trovava il covo delle BR durante i giorni del sequestro Moro e che ospitò i NAR nel 1981, erano gestiti da tre società immobiliari legate al Sisde. Negli anni di piombo si cominciò a percepire il costituirsi di una società friabile, che si stava proiettando verso l’indistinguibilità tra “giusto” ed “ingiusto”, recalcitrante nell’accettare gli archetipi di sempre. Progressivamente, con l’incalzare del capitalismo, la massiccia infiltrazione di poteri forti nello Stato, negli apparati mediatici, nelle sfere militari, nei servizi d’intelligence ed in altri gangli strategici, arriverà in questo Paese lo sconquasso generale, persino sul piano legislativo e giurisdizionale, con il quale conviviamo ogni giorno. Ovunque si guardi si coglie damblé l’evanescenza del principio basilare di responsabilità che caratterizza persino molti uomini delle istituzioni. I conflitti d’interessi rimangono ottimamente inseriti e protetti, parlamentari e magistrati ambiscono a garantirsi esenzioni di pena per degli illeciti commessi nell’esercizio della loro funzione, i grandi (im)prenditori chiedono l’impunità per i disastri che hanno provocato (too sovereign to be sued). E’ accaduto anche che Luca Palamara, dopo aver gestito un potere improprio e deviante, cominciasse a svuotare il sacco proiettandoci nelle retrovie dell’attività giurisdizionale, non sempre in grado di assicurare ai cittadini terzietà ed incorruttibilità. Secondo i più cinici non deve sorprendere che l’impegno politico/associativo venga esercitato con criteri quali il legame di confraternita, la lottizzazione e la spartizione dei posti fra correnti, azioni che nulla hanno a che vedere con la Giustizia e men che meno con la probità e le benemerenze professionali dei magistrati da collocare nelle varie procure della Repubblica. Fin da quando si sono intensificati gli scambi economico-commerciali, gli investimenti internazionali ed i rapporti politici del mondo occidentale sono stati regolati solo dal denaro, l’Italia si è rivelata terra di frontiera. La globalizzazione produce interdipendenze sociali, culturali, politiche, tecnologiche e sanitarie che vanno tenute sotto controllo, che vanno di volta in volta reindirizzate. L’unione del commercio con le culture, i costumi ed il modo di pensare, va amministrata senza mai perdere di vista che il fine è la massimizzazione del profitto, unito alla sorveglianza del gregge. La salvaguardia dello status quo in genere garantisce il dominio alle classi egemoni, quanto meno fino a quando hanno interesse a non cambiare il sistema con cui si alimentano e si ingrassano. L’uniformità planetaria, con annessi profitti, viene garantita anche con le imposizioni culturali, le bugie, la mistificazione e le direttive legislative. Quello che, nell’ultimo ventennio, appare più appariscente in tutte le sue isteriche manifestazioni è la guerra senza quartiere alla famiglia, così come è tutelata dalla Costituzione. La sua disarticolazione si attua anche attraverso processi di acculturazione (vedasi da ultimo “Le linee guida per ostetriche arcobaleno nel Regno Unito”), altro strumento utile allo scopo sono le bugie (vedasi quella del paygap, quelle sul numero dei “femminicidi” e quelle sul numero delle violenze sulle donne), non di minore intensità è l’impiego della mistificazione (come quella che una donna single e childfree basta a se stessa). Le leggi e le prassi vigenti in campo familiare sono per lo più emanazioni di indirizzamenti normativi sovranazionali, che fanno scempio di qualunque modello culturale a loro sgradito. L’inesistenza di nuclei sociali solidali di riferimento ed il contemporaneo aumento di monadi, senza altra ragione di vivere che il consumo, sono la condizione ideale per qualunque tipo di commercio. Ogni volta che viene demolito persino giudizialmente un uomo (per dote genetica poco incline al consumo voluttuario o compulsivo) nascono 2/3 monadi pronte ad acquistare di tutto e di più. Naturalmente il sostegno legislativo e giurisdizionale in ogni azione antimaschile compiuta anche nei tribunali non è imputabile esclusivamente alla necessità consumistica dei mercati, ma questa è documentatamente la più semplice da reperire e comprendere per tutti. Basta ciò per non dover chiamare in causa molte altre valide ragioni come la strumentalità di ogni conflitto, costruito artatamente da chi detiene il potere per distogiere le classi subalterne da ben altre analisi. Abomini giuridici e leggi che a prima vista appaiono parti di menti malate hanno una loro finalità, spesso vengono imposte da organizzazioni internazionali, provengono da UK, USA, UE o altri “paesi pilota” come il Canada e la Spagna. I deliri femministi che si vogliono concretizzare prossimamente (https://www.lafionda.com/uomini-e-padri-sotto-attacco-tutti-uniti-per-fermare-il-blitz-di-valente-co/) ; (https://www.lafionda.com/gli-emendamenti-valente-e-lo-stravolgimento-dei-diritti-dei-minori/) tramite una nuova legge sarebbero l’ennesima ignominia per un Italia ancora più asservita ai soliti poteri oscuri nazionali e stranieri. Le forze che agiscono per “incoraggiare” il legislatore o per tenere sotto controllo gli esiti dell’attività giurisdizionale hanno la stessa natura di quelle che hanno tessuto una robustissima ragnatela per internare/isolare/silenziare il prof. Carlo Gilardi, che controllano l’informazione mainstream, che hanno guidato le “conversioni” dell’M5S, di Luigi Di Maio, di Giuseppe Conte, di Matteo Salvini e di tutti gli altri che si sono raggruppati sotto il vessillo dell’attuale premier.

3/8/2021 Antonio Bertinelli

Pubblicato da antoniobertinelli

Melius cavere quam pavere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: